Nella seconda metà del XVI secolo in Italia e in Europa si diffonde, come noto, una particolare interpretazione della ritrattistica, definibile internazionale e di corte, in cui la persona rappresentata, in una messa in posa rigidamente aulica e stereotipata, si sottrae a una condizione temporale e diventa una sorta di stemma o emblema del ritratto (Jenkins 1977; Pommier 2003). Non affronteremo in questa sede gli esiti più elevati di tale tipologia, alla cui formazione concorsero in prevalenza gli artisti fiamminghi, ma anche italiani, romani e fiorentini, ma prenderemo in esame l’attività di un pittore - Bartolomeo Cancellieri - studiato per primo da Federico Zeri (1978) la cui attività, documentabile a Ferrara, Napoli, Roma, Parma, non doveva escludere, operando una sorta di traduzione semplificata, l’esercizio della copia.

Ancora su Bartolomeo Cancellieri, pittore itinerante e sul ritratto di Carlo V attribuito a Parmigianino / Elisabetta Fadda. - In: RICERCHE DI S/CONFINE. - ISSN 2038-8411. - IV:1(2013), pp. 133-146.

Ancora su Bartolomeo Cancellieri, pittore itinerante e sul ritratto di Carlo V attribuito a Parmigianino

FADDA, Elisabetta
2013

Abstract

Nella seconda metà del XVI secolo in Italia e in Europa si diffonde, come noto, una particolare interpretazione della ritrattistica, definibile internazionale e di corte, in cui la persona rappresentata, in una messa in posa rigidamente aulica e stereotipata, si sottrae a una condizione temporale e diventa una sorta di stemma o emblema del ritratto (Jenkins 1977; Pommier 2003). Non affronteremo in questa sede gli esiti più elevati di tale tipologia, alla cui formazione concorsero in prevalenza gli artisti fiamminghi, ma anche italiani, romani e fiorentini, ma prenderemo in esame l’attività di un pittore - Bartolomeo Cancellieri - studiato per primo da Federico Zeri (1978) la cui attività, documentabile a Ferrara, Napoli, Roma, Parma, non doveva escludere, operando una sorta di traduzione semplificata, l’esercizio della copia.
Ancora su Bartolomeo Cancellieri, pittore itinerante e sul ritratto di Carlo V attribuito a Parmigianino / Elisabetta Fadda. - In: RICERCHE DI S/CONFINE. - ISSN 2038-8411. - IV:1(2013), pp. 133-146.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2645066
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact