Biblioteconomia e scienza dell’informazione: diversi linguaggi per due naturali alleati?