Multiculturalità, “diritti” e differenziazioni giuridiche: il caso dei trattamenti sanitari