Il nuovo stato sociale: equo e compatibile