La Lettera 68 di Seneca: l’otium del filosofo tra sospetto e invidia