La memoria è, innanzitutto, “arte del dialogo” (Gespräch), ma è anche Ert-örterung, ovvero spiegazione, discussione, “dislocazione continua di senso”. La molteplicità, la novità, dei significati dipende, allora, dal loro “tra-mandarsi” (Überlieferung), dal loro “liberarsi”, attraverso continue letture che proprio nel tradurli sono in grado di comprenderli, di trasformarli, di crearne di nuovi: l’architettura quale arte della memoria

Architetture della memoria / Marco Maretto. - In: AION. - ISSN 1720-1721. - 14(2007).

Architetture della memoria.

MARETTO, Marco
2007

Abstract

La memoria è, innanzitutto, “arte del dialogo” (Gespräch), ma è anche Ert-örterung, ovvero spiegazione, discussione, “dislocazione continua di senso”. La molteplicità, la novità, dei significati dipende, allora, dal loro “tra-mandarsi” (Überlieferung), dal loro “liberarsi”, attraverso continue letture che proprio nel tradurli sono in grado di comprenderli, di trasformarli, di crearne di nuovi: l’architettura quale arte della memoria
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
AION.14.jpg

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Creative commons
Dimensione 157.99 kB
Formato JPEG
157.99 kB JPEG   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11381/2529457
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact