In margine a una conferenza di Eugenio Garin