Average values worldwide show a birth ratio of 105-106 males each 100 females, nevertheless the sex ratio changes from populations io populations and also in time. The cause of these variations are not well known, although is known a certain genetic influence in particular from the father. Among the factors which have a role on the sex ratio: the age of the parents, the birth order, the social economical status, nutritional state of the mother, the environmental ors such as the season. In the present work is assessed the sex ratio in relation with the season of the births (and related conception) in two western mountain villages Chiomonte (high Susa Valley) and Argentière la Bessée (Hautes Alpes). The sex ratio observed from the end of the XVII century io the beginning of the XX century are part of the range of variability for the hvo villages although there are some periods in which the sex ratio go oíi the average values observed. A bayesan hierarchic model has been tested on Chiomonte families based on individual variability of the sex ratio. The model deals with the fact that each couple getting married lead io the creation of children mainly of a sex or of the other and that this represents the same family lines of the respective parents. I valori medi a livello mondiale indicano alla nascita un rapporto di 105-106 maschi ogni 100 femmine, tuttavia la sex ratio varia da una popolazione all'altra e anche nel tempo. Le cause di queste variazioni sono poco note, sebbene sia riconosciuta una certa influenza genetica in particolare da parte del padre. Tra i fattori che rivestono un ruolo sulla sex ratio sembra vi possano incidere: l'età dei genitori, l'ordine di nascita, lo stato socioeconomico, lo stato nutrizionale della madre, fattori ambientali quali la stagione, soprattutto di concepimento. Nel presente lavoro viene valutata la variazione della sex ratio in relazione alla stagionalità delle nascite (per estensione: dei relativi concepimenti) in due comunità montane delle Alpi Occidentali Chiomonte (alta Val di Susa) e all'Argentière la Besséc (Hautes Alpes). I valori di sex ratio osservati dalla fine del XVII secolo all'inizio del XX rientrano nel range di variabilità per gli aggregati di dimensioni dei due paesi oggetti dell'esame, nonostante ci siano periodi in cui la sex ratio si discosti anche molto dai valori medi osservati. E' stato anche testato sulle famiglie di Chiomonte un modello gerarchico bayesiano sulla variabilità individuale della sex ratio. Il modello prevede che ciascuna coppia di sposi abbia una propensione specifica a generare (o meno) prevalentemente figli di un sesso oppure dell'altro e che essa sia una combinazione del medesimo tipo di propensione che caratterizza le linee famigliari dei rispettivi genitori.

Analisi della sex ratio e della relativa variabilità individuale in comunità montane delle Alpi occidentali / M., Girotti M; DE IASIO, Sergio; R., Boano; E., Rabino; G., Boetsch; M., Di Bacco; S., Bozza. - (2011), pp. 62-62. ((Intervento presentato al convegno XIX Congresso dell'Associazione Antropologica Italiana. 1961-2011: cinquant'anni di congressi. Passato, presente e futuro dell'Antropologia tenutosi a Torino nel 21-24 settembre 2011.

Analisi della sex ratio e della relativa variabilità individuale in comunità montane delle Alpi occidentali

DE IASIO, Sergio;
2011-01-01

Abstract

Average values worldwide show a birth ratio of 105-106 males each 100 females, nevertheless the sex ratio changes from populations io populations and also in time. The cause of these variations are not well known, although is known a certain genetic influence in particular from the father. Among the factors which have a role on the sex ratio: the age of the parents, the birth order, the social economical status, nutritional state of the mother, the environmental ors such as the season. In the present work is assessed the sex ratio in relation with the season of the births (and related conception) in two western mountain villages Chiomonte (high Susa Valley) and Argentière la Bessée (Hautes Alpes). The sex ratio observed from the end of the XVII century io the beginning of the XX century are part of the range of variability for the hvo villages although there are some periods in which the sex ratio go oíi the average values observed. A bayesan hierarchic model has been tested on Chiomonte families based on individual variability of the sex ratio. The model deals with the fact that each couple getting married lead io the creation of children mainly of a sex or of the other and that this represents the same family lines of the respective parents. I valori medi a livello mondiale indicano alla nascita un rapporto di 105-106 maschi ogni 100 femmine, tuttavia la sex ratio varia da una popolazione all'altra e anche nel tempo. Le cause di queste variazioni sono poco note, sebbene sia riconosciuta una certa influenza genetica in particolare da parte del padre. Tra i fattori che rivestono un ruolo sulla sex ratio sembra vi possano incidere: l'età dei genitori, l'ordine di nascita, lo stato socioeconomico, lo stato nutrizionale della madre, fattori ambientali quali la stagione, soprattutto di concepimento. Nel presente lavoro viene valutata la variazione della sex ratio in relazione alla stagionalità delle nascite (per estensione: dei relativi concepimenti) in due comunità montane delle Alpi Occidentali Chiomonte (alta Val di Susa) e all'Argentière la Besséc (Hautes Alpes). I valori di sex ratio osservati dalla fine del XVII secolo all'inizio del XX rientrano nel range di variabilità per gli aggregati di dimensioni dei due paesi oggetti dell'esame, nonostante ci siano periodi in cui la sex ratio si discosti anche molto dai valori medi osservati. E' stato anche testato sulle famiglie di Chiomonte un modello gerarchico bayesiano sulla variabilità individuale della sex ratio. Il modello prevede che ciascuna coppia di sposi abbia una propensione specifica a generare (o meno) prevalentemente figli di un sesso oppure dell'altro e che essa sia una combinazione del medesimo tipo di propensione che caratterizza le linee famigliari dei rispettivi genitori.
9788889277188
Analisi della sex ratio e della relativa variabilità individuale in comunità montane delle Alpi occidentali / M., Girotti M; DE IASIO, Sergio; R., Boano; E., Rabino; G., Boetsch; M., Di Bacco; S., Bozza. - (2011), pp. 62-62. ((Intervento presentato al convegno XIX Congresso dell'Associazione Antropologica Italiana. 1961-2011: cinquant'anni di congressi. Passato, presente e futuro dell'Antropologia tenutosi a Torino nel 21-24 settembre 2011.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
62-SexRatio.pdf

non disponibili

Tipologia: Abstract
Licenza: Creative commons
Dimensione 683.28 kB
Formato Adobe PDF
683.28 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2452439
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact