La presenza di Graziadio d’Ascoli nello "Scriptum super artem veterem" di Stefano da Rieti