Verso l’orzo del 2000. Le nuove tecnologie genetico-molecolari affrontano il problema della resistenza alla temperatura.