Ha ancora senso l'atteggiamento attendistico in caso di anomalie dell’ ambiente intrauterino?