Nuove “possibilità di relazione”: l'informale oltre l'informale