II danno fetale irreversibile:è possibile prevenirlo?