Lo spazio peripersonale: l’«altro da sé» in cui agire