II rapporto cerebro-ombelicale e il difetto di crescita fetale