Validità di due metodi diagnostici per lo studio della prevalenza delle infezioni da Chlamydia trachomatis