Ancora sulla capacità processuale del fallito al cospetto delle pretese vantate nei suoi confronti dall'erario