Definire il “sapere” fra ‘occhio e mano’: divagazioni linguistico-etno-antropologiche nell’ottica di un confronto interculturale