La Corte frena l'affievolimento, attraverso fonti regolamentari dello Stato, della potestà regionale concorrente nell'istruzione