Tra allocuzione e (de)mistificazione: retoriche dell'intrattenimento in Philip Roth