“Tabula” o “Navicula” ? Su alcune figure umanistiche della “Institutio vitae”