In *In the Heart of the Country*, più che in ogni altro testo, Coetzee affronta problematiche di tipo linguistico e psicolinguistico e tutto il testo appare una esplicitazione del rapporto esistente fra linguaggio e pensiero. Scopo di questo articolo è quello di analizzare alcuni degli aspetti metanarrativi e linguistici che l'autore ha inserito nella narrazione, la cui analisi verrà integrata a quella della vicenda della protagonista. In particolare, ci si soffermerà sulle strategie adottate dalla protagonista nella sua creazione di quelli che Umberto Eco chiamerebbe mondi possibili e *subworlds*.

Il mondo ‘più possibile’ di J. M. Coetzee / Michela Canepari. - In: IL CONFRONTO LETTERARIO. - ISSN 0394-994X. - 20(1993), pp. 413-428.

Il mondo ‘più possibile’ di J. M. Coetzee

CANEPARI, Michela
1993

Abstract

In *In the Heart of the Country*, più che in ogni altro testo, Coetzee affronta problematiche di tipo linguistico e psicolinguistico e tutto il testo appare una esplicitazione del rapporto esistente fra linguaggio e pensiero. Scopo di questo articolo è quello di analizzare alcuni degli aspetti metanarrativi e linguistici che l'autore ha inserito nella narrazione, la cui analisi verrà integrata a quella della vicenda della protagonista. In particolare, ci si soffermerà sulle strategie adottate dalla protagonista nella sua creazione di quelli che Umberto Eco chiamerebbe mondi possibili e *subworlds*.
Il mondo ‘più possibile’ di J. M. Coetzee / Michela Canepari. - In: IL CONFRONTO LETTERARIO. - ISSN 0394-994X. - 20(1993), pp. 413-428.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11381/2386990
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact