Il cosiddetto "Colpo di calore" in corso di terapia con farmaci neurolettici