Baricco, i barbari e la biblioteca pubblica