Gli inibitori dell'HMG-CoA reduttasi: la farmacologia dietro le differenze cliniche