Il sistema killer dei lieviti come marcatore epidemiologico