Il saggio si interroga sul significato della deroga contenuta nel secondo comma dell'art. 3 della l. n. 241/1990 in relazione all'obbligo di motivazione degli atti amministrativi generali. Tale dispensa è ricondotta, dall'A., all'impossibilità di ricondurre questi atti alla logica di una stretta correlazione fra l'esercizio della potestà amministrativa ed il pregiudizio ad esso arrecato alle situazioni soggettive. Questa, pertanto, non impone ma neppure vieta che la motivazione possa essere imposta, per gli atti amministrativi generali, dalle discipline di settore o regionali. Il suo fondamento formale sarebbe ravvisato, in tal caso, nei principi costituzionali di imparzialità e buon andamento e nell'obbligo generale contemplato a livello europeo. Nei settori analizzati, in particolare, l'obbligo sussisterebbe per tutti gli atti conclusivi di procedimenti che comportino la ponderazione fra una pluralità di interessi differenziati ed assicurerebbe che la loro acquisizione sia orientata a principi di equità e ragionevolezza.

L'obbligo di motivazione degli atti amministrativi generali / COCCONI M.. - In: RIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO PUBBLICO. - ISSN 0557-1464. - 3(2009), pp. 707-740.

L'obbligo di motivazione degli atti amministrativi generali

COCCONI, Monica
2009

Abstract

Il saggio si interroga sul significato della deroga contenuta nel secondo comma dell'art. 3 della l. n. 241/1990 in relazione all'obbligo di motivazione degli atti amministrativi generali. Tale dispensa è ricondotta, dall'A., all'impossibilità di ricondurre questi atti alla logica di una stretta correlazione fra l'esercizio della potestà amministrativa ed il pregiudizio ad esso arrecato alle situazioni soggettive. Questa, pertanto, non impone ma neppure vieta che la motivazione possa essere imposta, per gli atti amministrativi generali, dalle discipline di settore o regionali. Il suo fondamento formale sarebbe ravvisato, in tal caso, nei principi costituzionali di imparzialità e buon andamento e nell'obbligo generale contemplato a livello europeo. Nei settori analizzati, in particolare, l'obbligo sussisterebbe per tutti gli atti conclusivi di procedimenti che comportino la ponderazione fra una pluralità di interessi differenziati ed assicurerebbe che la loro acquisizione sia orientata a principi di equità e ragionevolezza.
L'obbligo di motivazione degli atti amministrativi generali / COCCONI M.. - In: RIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO PUBBLICO. - ISSN 0557-1464. - 3(2009), pp. 707-740.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
COCCONI M L'obbligo di motivazione.pdf

non disponibili

Tipologia: Abstract
Licenza: Creative commons
Dimensione 309.39 kB
Formato Adobe PDF
309.39 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2285259
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact