L'altercatio tra Mantova e Canossa: immagini "diverse" al servizio della riforma