L’estrema prudenza del romanzo: “Amado mio” e la scoperta di un genere