“Tutta questa brava gente che scrive e fa rumore”: il Novecento di Giuseppe Angelo Peritore