“Sed calamo superstite”. La scrittura interna delle “Familiari”