Su di un caso di sinostosi occipito-atlantoidea