Una nuova penalità nella riforma “itinerante” della giustizia penale?