La prelazione nell’art. 2441, terzo comma, del codice civile