Le fratture complesse del piatto tibiale (Tipo IV, V e VI di Schatzker 1) devono essere considerate lesioni gravi da cui possono esitare sequele importanti. Il trattamento ottimale delle fratture del piatto tibiale è tuttora un argomento dibattuto e diverse opzioni terapeutiche possono essere attuate; la strategia di scelta più indicata nelle fratture complesse, invece, è la riduzione e l’osteosintesi a cielo aperto. Obiettivo di questo studio è stato quello di analizzare come alcuni fattori prognostici (tipo di frattura, intensità del trauma, presenza di lesioni legamentose e/o meniscali associate alla frattura ed età) siano in grado di influenzare i risultati clinici e radiografici. Abbiamo rivalutato 29 fratture complesse del piatto tibiale (follow-up medio 46 mesi) trattate mediante riduzione ed osteosintesi a cielo aperto. I risultati clinici sono stati soddisfacenti nel 65,5% dei casi e quelli radiografici nel 51,7%. Dalla rivalutazione di questi casi risulta che il tipo di frattura, l’intensità del trauma, la presenza di lesioni legamentose e/o meniscali associate e l’età influenzano in modo significativo i risultati clinici e radiografici favorendo lo sviluppo di artrosi post-traumatica.

Fratture complesse del piatto tibiale: revisione della casistica e valutazione dei fattori prognostici / Pogliacomi, Francesco; M., Frattini; Vaienti, Enrico; Costantino, Cosimo; Soncini, Giovanni. - In: GIORNALE ITALIANO DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA. - ISSN 0390-0134. - 31:(2005), pp. 169-178.

Fratture complesse del piatto tibiale: revisione della casistica e valutazione dei fattori prognostici

POGLIACOMI, Francesco;VAIENTI, Enrico;COSTANTINO, Cosimo;SONCINI, Giovanni
2005-01-01

Abstract

Le fratture complesse del piatto tibiale (Tipo IV, V e VI di Schatzker 1) devono essere considerate lesioni gravi da cui possono esitare sequele importanti. Il trattamento ottimale delle fratture del piatto tibiale è tuttora un argomento dibattuto e diverse opzioni terapeutiche possono essere attuate; la strategia di scelta più indicata nelle fratture complesse, invece, è la riduzione e l’osteosintesi a cielo aperto. Obiettivo di questo studio è stato quello di analizzare come alcuni fattori prognostici (tipo di frattura, intensità del trauma, presenza di lesioni legamentose e/o meniscali associate alla frattura ed età) siano in grado di influenzare i risultati clinici e radiografici. Abbiamo rivalutato 29 fratture complesse del piatto tibiale (follow-up medio 46 mesi) trattate mediante riduzione ed osteosintesi a cielo aperto. I risultati clinici sono stati soddisfacenti nel 65,5% dei casi e quelli radiografici nel 51,7%. Dalla rivalutazione di questi casi risulta che il tipo di frattura, l’intensità del trauma, la presenza di lesioni legamentose e/o meniscali associate e l’età influenzano in modo significativo i risultati clinici e radiografici favorendo lo sviluppo di artrosi post-traumatica.
Fratture complesse del piatto tibiale: revisione della casistica e valutazione dei fattori prognostici / Pogliacomi, Francesco; M., Frattini; Vaienti, Enrico; Costantino, Cosimo; Soncini, Giovanni. - In: GIORNALE ITALIANO DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA. - ISSN 0390-0134. - 31:(2005), pp. 169-178.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
vaienti.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 123.3 kB
Formato Adobe PDF
123.3 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/1498304
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact