L'"OTTOCENTO" TEDESCO DI ANTONIO LABRIOLA