Rito e “merito” nell’eccezione di incompetenza