Hyp(n)ocondrie. L'impossibile incontro fra il vuoto allegorico e la lettera vuota di Praga