Antropologia ed epidemiologia: qualim sinergie per lo studio dell'uomo attuale? Una testimonianza italiana