"Dichino corone e rosarii": censura ecclesiastica e libri di devozione