Dall'aterosclerosi alla patologia cardiovascolare. Il ruolo delle alterazioni emroeologiche