Su alcuni aspetti della patogenicità di Yersinia enterocolitica