“Byron, Dante e l’invenzione transnazionale del ‘più nazionale dei poeti italiani’”