«Per arrivare in qualche modo a un ordine». Ungaretti e il decorso aporetico del tempo