«Una irata sensazione di peggioramento». L'inarresa utopia di Ottieri