Virgilio Malvezzi, L’Alcibiade, e altre prose politiche (Il Romulo, Il Tarquinio, Il Coriolano)