The chapter focuses on the possible uses and opportunities of the Blockchain Technology within the Intellectual Property (IP) management. The goal of the chapter is twofold: (i) the first aim is to explore the role of the Blockchain as a valuable tool for enhancing the efficiency of the IP protection system, while at the same time (ii) the second aim is to examine and to assess the limitations and the risks connected with a pervasive use of such technology. In order to pursue these goals, this paper starts with an overview of the main features of the Blockchain and the Distributed Ledger Technologies (Part 1). Then, Part 2 focuses on the use of the Blockchain as a tool to make IP registration and evidence more efficient both for not registrable IP rigths (such as copyright) and registered IP rights (such as patents, trademarks and industrial designs). Part 3 looks at the use of Blockchain and smart contracts within the IP licensing, questioning if they may bring more room for private ordering and trigger a further disintermediation in IP. Finally, Part 4 examines the use of the Blockchain as a tool to enforce IPRs. The final question is whether and to what extent the IP management might benefit by such level of automation.

Il capitolo analizza le possibili utilizzazioni e le funzioni della Blockchain nella gestione dei diritti di proprietà intellettuale ed industriale, riflettendo sull’idoneità della tecnologia come valido strumento per migliorare l’efficienza dei sistemi di tutela della proprietà intellettuale ed interrogandosi sui correlati rischi. Per far ciò, dopo una breve introduzione alle caratteristiche di Blockchain e Distributed Ledger Technologies (paragrafo I), il paragrafo II si concentra sulla Blockchain come strumento di registrazione e prova, considerando la sua possibile utilizzazione sia con riferimento ai diritti non soggetti a registrazione (come il diritto d’autore) sia con riferimento ai diritti soggetti al procedimento di registrazione (come marchi, brevetti e design industriale). Il paragrafo III è dedicato ad esaminare l’utilizzo di tale tecnologia per la circolazione e la gestione dei diritti di proprietà intellettuale, approfondendo i profili legati all’esercizio dell’autonomia contrattuale attraverso Blockchain e Smart Contracts. Il paragrafo IV, infine, considera alcune delle principali funzioni della Blockchain per l’enforcement dei diritti di proprietà intellettuale e industriale. Sullo sfondo, la domanda principale è se e fino a che punto la gestione della proprietà intellettuale possa beneficiare di una tale automazione.

Blockchain e proprietà intellettuale: funzioni, opportuntà e sfide / Scalzini, Silvia; GIULIA MONTELEONE, Andrea; Iaia, Vincenzo. - (2020), pp. 179-200.

Blockchain e proprietà intellettuale: funzioni, opportuntà e sfide

SILVIA SCALZINI;
2020

Abstract

Il capitolo analizza le possibili utilizzazioni e le funzioni della Blockchain nella gestione dei diritti di proprietà intellettuale ed industriale, riflettendo sull’idoneità della tecnologia come valido strumento per migliorare l’efficienza dei sistemi di tutela della proprietà intellettuale ed interrogandosi sui correlati rischi. Per far ciò, dopo una breve introduzione alle caratteristiche di Blockchain e Distributed Ledger Technologies (paragrafo I), il paragrafo II si concentra sulla Blockchain come strumento di registrazione e prova, considerando la sua possibile utilizzazione sia con riferimento ai diritti non soggetti a registrazione (come il diritto d’autore) sia con riferimento ai diritti soggetti al procedimento di registrazione (come marchi, brevetti e design industriale). Il paragrafo III è dedicato ad esaminare l’utilizzo di tale tecnologia per la circolazione e la gestione dei diritti di proprietà intellettuale, approfondendo i profili legati all’esercizio dell’autonomia contrattuale attraverso Blockchain e Smart Contracts. Il paragrafo IV, infine, considera alcune delle principali funzioni della Blockchain per l’enforcement dei diritti di proprietà intellettuale e industriale. Sullo sfondo, la domanda principale è se e fino a che punto la gestione della proprietà intellettuale possa beneficiare di una tale automazione.
The chapter focuses on the possible uses and opportunities of the Blockchain Technology within the Intellectual Property (IP) management. The goal of the chapter is twofold: (i) the first aim is to explore the role of the Blockchain as a valuable tool for enhancing the efficiency of the IP protection system, while at the same time (ii) the second aim is to examine and to assess the limitations and the risks connected with a pervasive use of such technology. In order to pursue these goals, this paper starts with an overview of the main features of the Blockchain and the Distributed Ledger Technologies (Part 1). Then, Part 2 focuses on the use of the Blockchain as a tool to make IP registration and evidence more efficient both for not registrable IP rigths (such as copyright) and registered IP rights (such as patents, trademarks and industrial designs). Part 3 looks at the use of Blockchain and smart contracts within the IP licensing, questioning if they may bring more room for private ordering and trigger a further disintermediation in IP. Finally, Part 4 examines the use of the Blockchain as a tool to enforce IPRs. The final question is whether and to what extent the IP management might benefit by such level of automation.
Blockchain e proprietà intellettuale: funzioni, opportuntà e sfide / Scalzini, Silvia; GIULIA MONTELEONE, Andrea; Iaia, Vincenzo. - (2020), pp. 179-200.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2899656
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact