Giorgio Canuto, il "rettore esperantista"