Guglielmo di Ockham, l'onnipotenza divina e l'intuizione del non-esistente