Tra singolare e plurale: la dialettica ri-fondativa della città